Ceren Costruzioni Generali

LA NOSTRA AZIENDA E' SPECIALIZZATA NELLA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DI FABBRICATI RESIDENZIALI E PISCINE IN TUTTA LA LIGURIA , COSTA AZZURRA & PRINCIPATO DI MONACO , VERSILIA & ALTA TOSCANA , SARDEGNA
Per Contatti ed Informazioni Tel.& Fax - 010314031 - E-Mail Cerem.costruzioni@alice.it - Italy-Genova .Via Bari , 142 r - Cap. 16127

PREVENTIVI GRATIS

PREVENTIVI GRATIS
CLICCA QUI'

martedì 22 dicembre 2015

AUGURI






Cerem Costruzioni Augura 

martedì 25 giugno 2013

NUOVA detrazione fiscale del 50 % 65 % sula ristrutturazione DICEMBRE 2014 AGGIORNAMENTO

 





 
 
La detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi).Dal 1° gennaio 2012 l’agevolazione è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef. Negli ultimi anni la normativa che regola la materia è stata più volte modificata. Le novità più recenti sono state introdotte:



dal decreto legge n. 83/2012, che ha elevato, per le spese effettuate dal 26


giugno 2012 al 30 giugno 2013, la misura della detrazione (50%, invece di

quella ordinaria del 36%) e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio

(96.000 euro per unità immobiliare, invece che 48.000 euro)
 



dal decreto legge n. 63/2013, che ha esteso questi maggiori benefici alle spese effettuate entro il 31 dicembre 2013
dalla legge n. 147/2013 (legge di stabilità 2014), che ha prorogato al 31 dicembre 2014 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%), sempre con il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare, e stabilito una detrazione del 40% per le spese che saranno sostenute nel 2015.

Dal 1° gennaio 2016 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

La legge di stabilità 2014 ha inoltre prorogato:

1. la detrazione delle spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche su costruzioni che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità, se adibite ad abitazione principale o ad attività produttive.
Per questa detrazione sono state fissate le seguenti misure

65%, per le spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014

50%, per le spese sostenute dal 1º gennaio 2015 al 31 dicembre 2015

L’ammontare massimo delle spese ammesse in detrazione non può superare l’importo di 96.000 euro.

2. la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.
Per questi acquisti sono detraibili le spese documentate e sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014. La detrazione va calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro e ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
 
 

scarica la guida ristrutturazione 2014 agenziadelle entrate

 
 

Quali caratteristiche deve avere l'edificio? Quali obblighi deve assolvere il tecnico abilitato?

Per utilizzare la detrazione Irpef del 65% sugli interventi finalizzati al risparmio energetico è necessario rispettare alcuni criteri. Ciò vale sia per quanto riguarda le caratteristiche dell'edificio che gli obblighi ai quali il tecnico abilitato chiamato a coordinare l'intervento deve tenere fede. Vediamo dunque quali sono questi criteri, quali sono le differenze rispetto allo sgravio del 50% e a quali difficoltà deve fare fronte il contribuente che intende usare il bonus fiscale.
 
Caratteristiche dell'edificio. Innanzitutto è bene specificare che se il 50% vale solo per immobili ad uso abitativo, il 65% può invece essere usato per tutte le tipologie di immobili, quindi anche quelli ad uso commerciale (come i negozi o gli uffici) o produttivo (i capannoni). Oltre a ciò, perché il 65% possa essere applicato ad un intervento per il risparmio energetico è necessario che l'edificio:
- sia esistente, dunque risulti iscritto al catasto o vi sia in corso una richiesta di accatastamento o ancora sia possibile dimostrare il pagamento dell'ICI a partire dal 1997;
- abbia al suo interno un impianto di riscaldamento: questo criterio vale per tutte le tipologie di intervento fatte salvo le installazioni di pannelli solari, dove la presenza del riscaldamento non è di vincolo.
Obblighi del tecnico abilitato. Il soggetto che intende effettuare un intervento finalizzato al risparmio energetico usando la detrazione del 65% deve affidare ad un tecnico abilitato il compito di redigere una serie di documenti.
Nello specifico:
- l'attestato di certificazione energetica contenente le informazioni sull'efficienza energetica dell'immobile sottoposto all'intervento (necessario per qualsiasi tipo di lavoro ad eccezione dell'installazione di pannelli solari, della sostituzione serramenti e del rinnovamento degli impianti di climatizzazione invernale);
- lo stesso attestato, quando il tipo di intervento lo richiede, deve essere inviato insieme alla scheda informativa entro 90 giorni dal termine dei lavoro all'ENEA per via telematica (questo adempimento deve essere svolto dal tecnico abilitato tranne che per la sostituzione dell'impianto termico, dei serramenti o l'installazione di pannelli solari: in questo caso l'obbligo d'invio può essere fatto dal privato);
- l'asseverazione, che certifichi l'esistenza dei requisiti tecnici richiesti per l'intervento di installazione (obbligatoria per qualsiasi tipo di lavoro ad eccezione dell'installazione di caldaie a condensazione e del rinnovamento dei serramenti: per questi due casi è sufficiente una certificazione del produttore);
- la scheda informativa riguardante gli interventi realizzati: nel documento devono essere inseriti i dati del soggetto che usufruirà della detrazione, le caratteristiche o il tipo dell'intervento eseguito e relativo costo.
Nota bene: anche nei casi in gli obblighi possono essere svolti dal soggetto titolare dell'intervento è sempre meglio farsi assistere da un tecnico abilitato. La compilazione dei documenti appena elencati difatti prevede l'inserimento di informazioni (potenze nominali, trasmittanze, etc.) non sempre comprensibili per una persona senza competenze specifiche.
Sanzioni. Ricordiamo che il mancato rispetto delle caratteristiche e degli obblighi appena illustrati comporta la perdita automatica della detrazione.
Documenti da conservare. I documenti sopra elencati vanno conservati in vista di possibili controlli da parte degli ispettori dell'Agenzia delle Entrate. Nello specifico è bene tenere da parte la ricevuta che testimonia l'invio telematico all'ENEA dell'attestato di certificazione energetica, l'asseverazione, le fatture riguardanti gli interventi e le ricevute dei bonifici di pagamento delle spese.
 








scarica quì la Guida alle detrazioni e tabella 50 & 65 % 2013








decreto sviluppo





detrazioni al 65 % ex 55 % -( efficenza energetica )








scarica la guida ristrutturazione 2014 agenziadelle entrate


scarica la guida ristrutturazione agenzia delle entrate 2013













scarica il vademecum per Coibentazioni pareti verticali , Tetti , Solai




scarica il vademecum per la riqualificazione globale dell'edificio





Scarica il vademecum per i serramenti e infissi





Scarica il Vademecum per i Pannelli Solari





Scarica il Vademecum per le pompe di calore





Scarica il Vademecum per le caldaie a condensazione




Scarica il vademecum per Caldaie a Biomassa















mercoledì 1 maggio 2013

Costruzione in contesto privato di piscina nel parco di Pieve Ligure a forma di occhio con finiture pregiate interno in mosaico grigio perlato , Bordo in Pietra Serena sagomata e pavimentazione a Ciottoli con stemma della Casata